english, Languages, Posts in English

My C2 Proficiency Preparation Materials

I recorded a video about my experience with books and other resources I used in order to study for the C2 Proficiency / CPE exam. As for the exam itself, I sat it last month, and passed it with a score of 216/230 (Grade B)!

Advertisements
english, Languages, Posts in English

How To Calculate C2 Proficiency Practice Test Scores

Disclaimer: I am in no way affiliated with Cambridge Assessment English. The methods described below can be used to calculate *approximate* practice test scores, and are for illustrative purposes only.

Method 1 – Using the score converter

Firstly, in order to figure out what is your score in each part of the test, you need to download this guide from the Cambridge Assessment English website. Thanks to it, you will familiarise yourself with how each paper is assessed and how many marks/points you can get for each right answer.

Example: as far as Use of English is concerned, it is tested in Parts 2, 3 and 4 of the Reading and Use of English paper. For each correct answer, you get 1 mark in Parts 2 and 3, and 1 to 2 marks in Part 4. There is a maximum score of 28 points (8 + 8 + 12) in total.

Secondly, once you calculated the total number of points, all you have to do is divide it by the total number of questions of the paper, and multiply the result by 100.

Example: you got 24 points out of 28. (24 : 28) x 100 -> 0.8571 x 100 = 85.71% -> 86%.

Finally, open the Cambridge English Scale Score Converter, select “Proficiency taken before 2015” from the drop-down menu, type your result in the box, and Bob’s your uncle! 😊

Method 2: Using an Excel spreadsheet

This is definitely the fastest and easiest method that you can use to find out your score, as it is automatically calculated.

All you have to do is download this file, which can also be used for lower-level exams such as B1 Preliminary, B2 First, and C1 Advanced. The file is divided into four sections (PET, FCE, CAE, and CPE). Not only is it possible to know the score for each paper, but also your overall score, if you take a full practice test.

Languages, Posts in English

How To Prepare For Cambridge Proficiency

The Basics

The Cambridge Assessment English Proficiency exam is targeted at Level C2 of the Common European Framework of Reference for Languages (CEFR). Considered the fact that it assesses a very advanced knowledge of the English language, a proper preparation is extremely important. Also known as Certificate of Proficiency in English (CPE) or C2 Proficiency, the exam consists of four papers:

  • Reading and Use of English (90 minutes);
  • Writing (90 minutes);
  • Listening (40 minutes);
  • Speaking (16 minutes per pair of candidates).

You can find further information on the exam format on the Cambridge English Assessment website.

The minimum score to pass the exam and, therefore, obtain a C2-level qualification, is 200 out of 230. Depending on your score, you get Grade A (220-230 points), B (213-219 points) or C (200-212 points). However, if your overall score is between 180 and 199, you will receive a C1-level certificate.


Are you ready?

Unsure about your current English proficiency level? You can take a free online test to find out which exam would be most suitable for you. As far as C2 Proficiency is concerned, Cambridge English Assessment recommends it to adult learners who have reached Level C1, no matter whether you took C1 Advanced (or a similar exam) or not.


Preparation materials

A good starting point is definitely a book with exam-like exercises. For example, I’ve been using Objective Proficiency, but there are also similar books, like Proficiency Masterclass and Expert Proficiency.

However, you won’t find much grammar in those books, because you’re supposed to have mastered basic grammar rules when you reach Level C1. Therefore, as far as advanced English grammar is concerned, you can use specific books, such as Advanced Grammar in Use and Destination C1 & C2.

Familiarsing with the exam format is of fundamental importance. In order to achieve this goal, you can use practice test books (like this one), or download free practice tests from the Cambridge English Assessment website.

Another useful book is Common Mistakes at Proficiency, which is about grammar rules or aspects that Proficiency candidates might find tricky.

In addition, preparation for this high-level exam also includes studying collocations, idioms, phrasal verbs, and expanding your range of vocabulary. The “In Use” series by Cambridge University Press can serve this purpose: Collocations / Phrasal Verbs / Idioms / Vocabulary.

Now you’re probably asking yourself this question: “Shall I buy all these books?” Not necessarily.

No matter how many books you’re using, don’t forget to practise in other ways (i.e. talking to native speakers, watching TV shows and films in English, reading magazines and novels in English, etc.) as much as possible. Practice makes perfect.


Useful online resources

Post in italiano, Roba da linguisti

Come preparare il Proficiency

proficiency

The Basics

L’esame Cambridge Proficiency verifica la conoscenza della lingua inglese al livello C2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per la conoscenza delle lingue (CEFR): essendo a un livello avanzato, un’adeguata preparazione è indispensabile per superarlo e ottenere la relativa certificazione. Conosciuto anche come Certificate of Proficiency in English (CPE) o C2 Proficiency, l’esame consiste di cinque prove:

  • Reading + Use of English (un’ora e mezza),
  • Writing (un’ora e mezza),
  • Listening (40 minuti),
  • Speaking (16 minuti).

Ciascuna prova è divisa in più parti e, solitamente, le prime quattro prove si svolgono nello stesso giorno, mentre lo Speaking in un altro. Ulteriori informazioni sulle prove dell’esame sono disponibili sul sito Cambridge English Assessment.

L’esame si considera superato se si ottengono almeno 200 punti (il massimo è 230): in questo caso, si ottiene una certificazione di livello C2, con votazione A (da 220 a 230 punti), B (da 213 a 219) o C (da 200 a 212). Se, invece, il punteggio ottenuto è tra 180 e 199, si riceverà una certificazione che attesta la conoscenza dell’inglese al livello inferiore (C1).


Are you ready?

Se non sei sicuro di quale possa essere il tuo livello di conoscenza dell’inglese, ti basta fare un test online gratuito che ti permette di sapere quale esame faccia al caso tuo. Per quanto riguarda il Proficiency, il sito Cambridge English Assessment lo consiglia ad adulti che possiedono almeno un livello C1 (attenzione, qui non s’intende il C1 Advanced/CAE o un esame di pari livello, ma la conoscenza della lingua a un livello C1).


Libri di testo (e non solo)

Un buon punto di partenza è un libro che ti insegna come svolgere le prove dell’esame. Tra i libri più conosciuti di questo genere, ci sono Objective Proficiency (che sto usando io stessa per prepararmi) e Proficiency Masterclass, ma ho sentito parlare molto bene anche di Expert Proficiency. 

Comunque, i libri appena citati non si focalizzano più di tanto sulla grammatica, perché solitamente a un livello avanzato si dà per scontato che si conoscano bene le regole di grammatica di base. Per quanto riguarda le costruzioni grammaticali più complesse, le puoi trovare in alcuni libri di grammatica livello avanzato, come Advanced Grammar in Use o Destination C1 & C2. Personalmente, consiglio il primo libro, lo trovo di ottima qualità: avendo usato l’edizione per studenti di livello intermedio in passato ed essendomi trovata bene, non ho esitato ad acquistarlo.

Per superare il Proficiency è molto importante familiarizzarsi il più possibile con la struttura dell’esame: a questo scopo, puoi utilizzare i libri con le prove di esame degli anni precedenti (come questo), o anche dei practice tests scaricabili gratuitamente dal sito Cambridge English Assessment.

Un altro testo che può esserti utile è Common Mistakes at Proficiency, che tratta gli argomenti su cui si tende a sbagliare all’esame.

Inoltre, al livello C2 è fondamentale conoscere (se non approfondire) le collocations (combinazioni di parole), le espressioni idiomatiche (idioms), i phrasal verbs e, in generale, il lessico (vocabulary) – quest’ultimo deve essere il più ampio e vario possibile. Esistono dei libri specifici a riguardo con gli esercizi, come English Collocations / Phrasal Verbs / Idioms / Vocabulary in Use. Esiste anche un Dizionario inglese-italiano dei phrasal verbs, utilissimo quando vogliamo conoscere il significato di un phrasal verb in particolare in italiano o dobbiamo fare delle traduzioni.

Dunque, i libri di testo servono, ma non è necessario prenderli tutti, dipende dalle tue necessità. Secondo me, quelli davvero indispensabili, sono quelli che ti insegnano a fare gli esercizi degli esame, una grammatica livello avanzato e i test degli anni precedenti. In ogni caso, bisogna praticare la lingua il più possibile, leggendo libri o quotidiani in inglese, guardando video o serie TV/film in inglese, e interagendo con parlanti madrelingua. Practice makes perfect.


Risorse e link utili

La mia playlist di YouTube – English C2 Proficiency

Trucchi Londra – Come preparare l’esame Proficiency per conto tuo e I migliori libri per il livello C2

Flo Joe e Exam English (siti con esercizi)

Linking Words (lista di connettori)

Gruppo Facebook C2 Proficiency (CPE)

App, siti e risorse utili, Post in italiano

Bibliografia su Jacques Poulin e sul francese canadese


Romanzi di Jacques Poulin:

  •  Mon cheval pour un royaume, Montréal, Éditions du Jour, 1967;
  • Jimmy, Montréal, Éditions du Jour, 1969;
  • Le CÅ“ur de la baleine bleue, Montréal, Éditions du Jour, 1970;
  • Faites de beaux rêves, Montréal, Les Éditions de l’Actuelle, 1974;
  • Les grandes marées, Montréal, Leméac, 1978;
  • Volkswagen Blues, Montréal, Québec/Amérique, 1984;
  • Le Vieux Chagrin, Montréal/Arles, Leméac/Actes Sud, 1989;
  • La tournée d’automne, Montréal, Leméac, 1993;
  • Chat sauvage, Montréal/Arles, Leméac/Actes Sud, 1998;
  • Les yeux bleus de Mistassini, Montréal/Arles, Leméac/Actes Sud, 2002;
  • La traduction est une histoire d’amour, Montréal/Arles, Leméac/Actes Sud, 2006;
  • L’anglais n’est pas une langue magique, Montréal/Arles, Leméac/Actes Sud, 2009;
  • L’homme de la Saskatchewan, Montréal/Arles, Leméac/Actes Sud, 2011;
  • Un jukebox dans la tête, Montréal, Leméac, 2015.

Studi su Jacques Poulin:


Studi sulla lingua e sulla letteratura del Québec:

  • Ambasciata del Canada in Italia – A proposito del Canada (http://www.canadainternational.gc.ca/italy-italie/about-a_propos/index.aspx?lang=ita&menu_id=57).
  • Chaudenson, R., «Les français d’Amérique ou le français des Amériques? Genèse et comparaison», in Le français des Amériques, a cura di R. Fournier e H. Wittman, Trois-Rivières, Presses universitaires de Trois-Rivières, 1995, pp. 3-19.
  • De Villers, M.-E., Usages lexicaux propres au français du Québec, in Correspondance, vol. 4, n. 4, Montréal, Centre collégial de développement de matériel didactique, Aprile 1999.
  • Encyclopédie Canadienne – Révolution tranquille, a cura di R. Durocher (http://www.encyclopediecanadienne.ca/fr/article/revolution-tranquille/).
  • Leclerc, J., «Le joual au Québec», in L’aménagement linguistique dans le monde, Québec, CEFAN, Université Laval, 2017 (http://www.axl.cefan.ulaval.ca/francophonie/Quebec-lex-joual.htm).
  • LinguaFrancese.it, Francofonia nel mondo – Canadianismes (http://www.linguafrancese.it/francofonia/canadianismes.htm).
  • Poirier, C., «Les variantes topolectales du lexique français: Propositions de classement à partir d’exemples québécois», in Le régionalisme lexical, a cura di M. Francard e D. Latin, Louvain-La-Neuve, Duculot, 1995, pp. 13-56.
  • Reinke, K. – Ostiguy, L., Le français québécois d’aujourd’hui, Berlin-Boston, Walter de Gruyter GmbH, 2016.
  • Rosenstreich, S. L. (a cura di), Encounters with Quebec. Emerging Perspectives on Québécois Narrative Fiction, Binghamton, Global Publications, 1998.
  • Walter, H., Le français d’ici, de là, de là-bas, Paris, Éditions JC Lattés, 1998.

Dizionari di francese quebecchese:


Ultimo aggiornamento: 5 luglio 2018.

Post in italiano, Traduzione

Come mi sono “innamorata” della traduzione

Per prima cosa, buona Giornata mondiale della traduzione a tutti!

Quest’anno intendo festeggiare questa ricorrenza scrivendo un post su come è cominciata la mia passione per la traduzione.

Le lingue straniere mi hanno sempre affascinata e incuriosita. Da bambina conoscevo già alcune parole in inglese, come i nomi di alcuni personaggi di Walt Disney, i numeri da 1 a 10 e qualche breve frase. Quando avevo quasi 9 anni, ho cominciato ad ascoltare quasi esclusivamente musica in inglese, perché mi piaceva di più rispetto alla musica italiana. Nonostante non ne conoscessi il testo e il significato, mi divertivo a cantare, inventandomi le parole, canzoni come “Lemon Tree” dei Fool’s Garden o “Summer Is Crazy” di Alexia.

Alle medie ho voluto frequentare un corso in cui si insegnavano sia l’inglese che il francese: è stato allora che ho cominciato a studiare le lingue straniere (e non ho più smesso!). Ho scoperto di essere portata per queste materie, e così ho deciso di frequentare il liceo linguistico. Intanto, a quasi 15 anni avevo aperto il mio primo sito web (sia in italiano che in inglese), ma leggevo anche blog e siti di running (di cui ero appassionata) in inglese, anche se conoscevo ancora poche parole. All’epoca non me ne rendevo conto, ma leggere così tanto in inglese aveva contribuito a sviluppare la mia padronanza della lingua.

Ricordo che a scuola traducevamo dei testi, di cui spesso ci facevano fare la retroversione, ossia la ritraduzione di un testo che avevamo tradotto dalla lingua straniera all’italiano. Grazie alla traduzione imparavo (e imparo tuttora) nuove parole: già in quegli anni mi divertivo a sfogliare i dizionari, li adoravo!

Nel periodo in cui ho dovuto scegliere il mio corso di studi all’università, ho optato per Mediazione linguistica piuttosto che per Lingue e letterature straniere, e ricordo di aver pensato: “A me piace tradurre, quindi scelgo quel corso”. Come si direbbe in inglese, no regrets (se qualcuno preferisce il francese, je ne regrette rien).

Post in italiano, Roba da linguisti, Traduzione

Il code switching e altre storie

Ieri sera ero al supermercato quando, all’improvviso, quest’ultimo viene “invaso” da un gruppo numeroso di turisti stranieri, circa una trentina di persone che parlavano una lingua che mi sembrava slava (Russo? Polacco? Non avendole mai studiate, non saprei distinguerle). Tra gli articoli che avevano messo nei carrelli, c’erano prodotti locali, birra, limonate e preparati per panna cotta, per non parlare del preparato per la cioccolata calda (e pensare che siamo a luglio!!!) che aveva preso una signora.

Cosa mi succede: comincio a pensare in due lingue contemporaneamente, sia in italiano che in inglese, forse perché il mio cervello si stava preparando all’eventualità di dover comunicare con queste persone, magari per dire “Mi scusi/scusate, permesso” o cose di questo genere. La cassiera mi chiede qualcosa e io rispondo “Yes”, poi mi fa notare che, per distrazione, mi ero dimenticata di pesare un sacchetto al reparto ortofrutta ed esclamo “Oh my!”. Vado a pesare il sacchetto in questione e penso: “Che codice è?”. Leggo il codice, era il 22 ma, invece di “ventidue”, penso “twenty-two”. Non l’ho neanche fatto apposta, mi è venuto spontaneo!

Questo fenomeno si chiama commutazione di codice (o code switching), e si può verificare in chi conosce più di una lingua o dialetto. L’Enciclopedia Treccani spiega benissimo (in modo esaustivo, direi) la definizione di questo termine, con vari esempi, e la differenza con il code mixing. 

Di recente, mi hanno contattata chiedendo informazioni su come fare un’analisi traduttologica. Tempo fa avevo scritto un post a riguardo,e sento la necessità di “ampliarlo” in questo post, a mo’ di postilla, consigliando alcuni libri a chi deve cimentarsi con questo tipo di analisi. Entrambi i libri a cui mi riferisco utilizzano un approccio pratico, quindi non sono la solita raccolta di teorie della traduzione; inoltre, riportano degli esempi di procedimenti traduttivi e di come differiscono alcune caratteristiche (ad esempio, grammaticali) delle lingue prese in esame.

Il primo libro che consiglio si rivolge a chi ha l’inglese nella propria combinazione linguistica: “Tradurre. Manuale teorico e pratico” di Paola Faini, edito da Carocci.

Il secondo libro, invece, può essere molto utile ai francesisti: “La pratica della traduzione. Dal francese in italiano e dall’italiano al francese” di Josiane Podeur, edito da Liguori. Ho appena visto su Amazon che è disponibile anche in formato e-book.